,

Pronostici finale Europa League

La tribolata stagione calcistica 2020/2021, sicuramente una delle più particolari degli ultimi anni, si avvia finalmente verso la conclusione. Andati in archivio i vari campionati domestici, anche le coppe internazionali si avviano al loro atto finale. L’Europa League si concluderà venerdì 21 agosto 2020 al RehinEnergieStadion di Colonia con la finale tra Siviglia e Inter. Nelle righe che seguono, ricostruiremo il percorso delle due squadre arrivate alla manifestazione e in che modo si avvicinano alla partita più importante della stagione, cercando di fornirvi informazioni utili ai pronostici finale Europa League. Come molti già sanno, l’Europa League ha assunto la sua denominazione attuale 11 anni fa, quando la UEFA ha cambiato il format della vecchia Coppa UEFA. Da allora si è dato vita ad un torneo più ampio, con più squadre provenienti da tutta Europa, che per certi versi è complicato quasi quanto la sorella maggiore Champions League. Le squadre che prendono parte a questo torneo, che si svolge anch’esso in infrasettimanale tra le gare di campionato, infatti, spendono molte energie (molto spesso da parte dei club italiani c’pè stata una tendenza a snobbare l’Europa League proprio per questo motivo, poiché era ritenuta una ‘distrazione’ dagli impegni in Serie A) e sono costrette ad affrontare trasferte molto lunghe, a cui va sommato lo sforzo della partita contro avversari il cui valore cresce con il passare dei turni. Al tempo stesso, però, l’Europa League è una coppa affascinante in cui trovano spazio tantissimi talenti e che molto spesso garantisce giocate di grande qualità, gol e spettacolo. Vincerla non è per niente facile e arrivare fino in fondo mette in palio l’opportunità di vedere il proprio nome scolpito nella storia e nell’albo dei vincitori.

Per l’edizione 2020-2021, che si sta concludendo in Germania dopo la rimodulazione del format in Final Eight in gara unica, l’atto finale vedrà contrapposti gli ‘specialisti’ del Siviglia (così definiti in virtù del record di vittore nella manifestazione), e l’Inter – che non è da meno, in ha trionfato per tre volte nella manifestazione (record italiano insieme alla Juventus), quando ancora si chiamava Coppa UEFA, ma i cui successi sono più datati (l’ultimo risale al 1998). I nerazzurri, inoltre, hanno sulle spalle il peso di una nazione intera, visto che una squadra italiana non arrivava in finale dal lontano 1999, anno in cui il Parma delle meraviglie sconfisse in finale il Marsiglia con un netto 3-0.

Ma come sono arrivate fino a Colonia Siviglia e Inter? Il club andaluso, che ha partecipato alla manifestazione sin dal suo inizio, ha terminato al primo posto il Gruppo A, ottenendo 15 punti in classifica, con cinque vittorie e una sola sconfitta. Ai sedicesimi di finale gli uomini di Lopetegui hanno fatto fuori il Cluj grazie al pareggio 1-1 ottenuto in trasferta in Romania (0-0 al ritorno allo stadio Sánchez Pizjuán) e poi agli ottavi hanno eliminato anche la Roma, battuta 2-0 in gara secca con le reti di Reguilón e En-Nesry. Giunti ai quarti, ai biancorossi è stato sufficiente il gol di una vecchia conoscenza della Serie A come Lucas Ocampos (per lui un passato tra Genoa e Milan), per eliminare il Wolverhampton (che aveva fallito un rigore col risultato ancora in parità). Il colpaccio del Siviglia, però, è stata la vittoria in rimonta contro il Manchester United: finiti in svantaggio dopo il penalty trasformato dall’ex Samp e Udinese Bruno Fernandes, gli spagnoli hanno sovvertito il risultato con l’ex milanista Suso, e chiuso la pratica con un gol di de Jong, e staccato il pass per la finale.

Diverso il percorso dell'Inter, confluita nel tabellone dell'Europa League dopo il terzo posto nella fase a gironi di Champions League, dietro Barcellona e Borussia Dortmund. Ai sedicesimi di finale, la squadra di Antonio Conte ha liquidato bulgari del Ludogorets (4-1 in trasferta, 2-1 a San Siro), mentre agli ottavi ha sbattuto fuori il Getafe rifilandogli un 2-0 nel match in gara secca con i gol di Lukaku ed Eriksen. Iniziata la Final Eight di Europa league, i milanesi hanno sconfitto 2-1 il Bayer Leverkusen (in gol Barella e Lukaku), e poi hanno gonfiato i muscoli in semifinale, cancellando lo Shakthar Donetsk con un pesantissimo 5-0, frutto delle doppiette di Lautaro Martinez, Lukaku e da un gol di Danilo D’Ambrosio.

Pronostico Siviglia-Inter

Dato che una squadra italiana mancava da oltre vent’anni l’appuntamento con una finale di Coppa UEFA/Europa League, tutti gli occhi del Belpaese sono puntati sull’Inter che dovrà vedersela contro il Siviglia. Il club andaluso non è un avversario come tutti gli altri: il Siviglia, infatti, è la squadra più titolata dell’Europa League avendo vinto questo trofeo per ben cinque volte nel corso della propria storia (la prima volta nel 2005-2006, poi nel 2006-2007 e poi per tre edizioni di fila dal 2014 al 2017). Come testimonia il palmares, la squadra allenata dall’ex c.t. della Spagna Julen Lopetegui, ha questa competizione nel proprio DNA ma l’Inter ha un’occasione davvero troppo importante per sprecarla e un’eventuale vittoria farebbe benissimo all’intero movimento calcistico italiano. La speranza dei tanti tifosi nerazzurri è che la LuLa (come viene chiamato il duo d’attacco composto da Lukaku e Lautaro Martinez) possa replicare le imprese di Ronaldo e Zamorano, che nel 1998 al Parco dei Principi di Parigi, sconfissero 3-0 la Lazio, sollevando la terza Coppa UEFA della storia interista. E dando un’occhiata alle previsioni dei quotisti, la squadra guidata da Antonio Conte può essere cautamente ottimista: il pronostico Siviglia-Inter, infatti, suggerisce la preferenza degli addetti ai lavori per la compagine nerazzurra: il 2 dei milanesi è offerto a 2,15 volte la posta iniziale, una quota inferiore se paragonata all'1 degli spagnoli, bancato a 3,35. Leggermente più alta la quota offerta per la X al termine dei tempi regolamentari, scenario quotato a 3,45. Consultando approfonditamente le quote Siviglia-Inter, inoltre, si evince come la finale di Colonia potrebbe essere una partita molto combattuta: l'under 2,5, infatti, è offerto a 1,75, e ha una quota inferiore rispetto all'over 2,5, bancato a 1,95. Nonostante ciò, i bookmakers sembrano inclini a credere che entrambe le squadre abbiano buone probabilità di segnare, come dimostra il gol-gol offerto a 1,75, rispetto al no gol, pagato a 1,95.