vincente champions league,vincente champions league

Scommesse Champions League

Anche quest’anno, nonostante un cammino durato più a lungo del normale, la Champions League si avvia finalmente verso il suo atto conclusivo. Per questa edizione, conclusa in maniera straordinaria attraverso la formula della Final Eight giocata in campo neutro (la scelta della UEFA è ricaduta sul Portogallo, precisamente sulla capitale Lisbona) le due finaliste saranno Paris Saint-Germain e Bayern Monaco. I due top club, rispettivi campioni nazionali di Francia e Germania, si sfideranno nella splendida cornice dell’Estadio Da Luz di Lisbona in una finale che pur senza l’atmosfera garantita dalla presenza di pubblico, dovrebbe avere dei contenuti altissimi, uno dei motivi per cui siamo certi verranno giocate moltissime scommesse Champions League. Nelle righe che seguono vedremo come potrebbe evolversi la finalissima in programma domenica 23 agosto.

Scommesse finale Champions League

Se siete intenzionati a giocare scommesse finale Champions League, potrebbe tornarvi utile sapere qual è stato il percorso compiuto dalle due finaliste per arrivare fino in fondo alla competizione.

Essere arrivati in finale per il Paris Saint-Germain è già un grande successo. Il club parigino, assoluto dominatore della Ligue 1 nell’ultimo decennio, in Europa non era mai riuscito ad andare oltre i quarti di finale, nonostante dal 2011, anno dell’avvento della proprietà qatariota, abbia investito oltre 1,3 miliardi di euro nell’acquisto di calciatori (ricorderete i 222 milioni sborsati al Barcellona per Neymar, o i 180 milioni spesi per strappare Kylian Mbappé al Monaco). Gran parte del merito, oltre al talento dei giocatori è merito di Marcel Tuchel, allenatore tedesco che si giocherà la partita più importante della sua giovane carriera. Il PSG ha dimostrato di poter essere una pretendente per la coppa sin dalla fase a gironi: il Gruppo A, in cui erano inseriti i capitolini, è stato chiuso con 16 punti, 5 in più del Real Madrid, squadra primatista della Champions League. Qualificati agli ottavi di finale, i parigini hanno affrontato il Borussia Dortmund non senza brividi: all’andata al Signal Iduna Park di Dortmund, Erling Håland, autore di una doppietta aveva vanificato il momentaneo pareggio di Neymar, ma nella partita di ritorno, proprio il brasiliano e Bernat, hanno fissato il risultato sul 2-0 mandando il PSG ai quarti di finale. In Portogallo i transalpini hanno sudato freddo contro l’Atalanta, in vantaggio per gran parte della partita, e ribaltata soltanto nel finale dalle reti di Marquinhos e Choupo-Mouting. Nettamente più semplice la vittoria ottenuta in semifinale contro il RB Lipsia, battuto 3-0 con un risultato che è significato la qualificazione alla finale.

Ancora più schiacciante la supremazia mostrata dal Bayern Monaco che quest’anno ha vinto il suo 30 Meisterschale (così come viene chiamato il titolo tedesco), nonostante la stagione non fosse iniziata in maniera proprio esaltante. L’esonero di Kovac e l’affidamento della squadra a Hans-Dieter Flick sono stati il punto di svolta della stagione dei bavaresi che fino a quel momento in campionato avevano zoppicato e alla fine hanno vinto per l’ennesima volta la Bundesliga in scioltezza. In quella che prima si chiamava Coppa dei Campioni, invece, la leadership del Bayern Monaco non è mai stata in discussione: la squadra teutonica ha ammazzato il Gruppo B classificandosi al primo posto a punteggio pieno con 18 punti, il che significa che tutte e sei le partite della fase a gironi sono coincise con una vittoria (a onor del vero il girone non era dei più complicati). Agli ottavi di finale il Bayern ha incontrato il Chelsea di Frank Lampard ma non si è minimamente scomposto e ha trionfato nel doppio confronto vincendo 0-3 a Stamford Bridge e 4-1 all'Allianz Arena. Nelle Final Eight in Portogallo la squadra bavarese ha dimostrato tutto il proprio enorme potenziale sbriciolando il Barcellona, umiliato con un 8-2 che passerà alla storia (e che ha aperto la piena crisi in casa blaugrana). Un risultato che è stato un’autentica dimostrazione di forza contro la squadra dell’alieno Leo Messi e che ha candidato prepotentemente il sodalizio tedesco alla vittoria della Champions. Una volta giunto in semifinale, il Bayern Monaco si è sbarazzato senza troppi patemi d’animo anche dell’Olympique Lione, ottenendo una vittoria tutt’altro che scontata, visto che i francesi, allenati da Rudy Garcia, ex tecnico della Roma, avevano eliminato dalla Champions League avversarie molto più quotate come Juventus e Manchester City. Ora la squadra di Flick sogna di portare a casa quella che sarebbe la sesta Coppa dei Campioni della sua storia ma prima di poter festeggiare dovrà fare i conti con la voglia di vincere del Paris Saint-Germain, che al contrario dei tedeschi non ha mai vinto la Champions. 

Paris Saint-Germain-Bayern Monaco: le migliori quote

Quella in programma tra Paris Saint-Germain e Bayern Monaco domenica 23 agosto alle 21:00 sarà la 65ª finale di Champions League, della storia, la 28ª da quando la manifestazione non si chiama più Coppa dei Campioni maa UEFA Champions League. Suggestiva cornice della partita più importante dell’anno sarà l’Estadio Da Luz di Lisbona, capitale del Portogallo, e sede delle partite casalinghe del Benfica. Essendo di fronte due dei più grandi club europei, infarciti di stelle, è lecito aspettarsi una finale dagli altissimi contenuti tecnici. Guardando le quote per le scommesse Paris Saint-Germain-Bayern Monaco si può intuire che, anche se di poco, il favore dei pronostici da parte dei bookmakers è per i bavaresi: il 2 della squadra di Hans-Dieter Flick viene offerto a 2,00, mentre è leggermente più alta la quota dell’1 del Paris Saint-Germain, bancato a 3,45. L'eventuale pareggio alla fine dei tempi regolamentari, invece, è offerto a 4,00. Stando alle previsioni degli addetti ai lavori e guardando le quote Paris Saint-Germain-Bayern Monaco le due formazioni dovrebbero gol e spettacolo, visti anche i tanti campioni presenti in campo: proprio per questo, sia l'over 2,5, sia il gol-gol, vengono offerti a 1,37, una quota che indica l’alta probabilità di riuscita di questo esito.