quote Liga | scommesse campionato spagnolo

La Liga: Stagione 2019-2020

  • Prima giornata 17/08/2019
  • Ultima giornata 24/05/2020

La Liga 2019-2020 sarà l'89a edizione nella storia del torneo di massima divisione spagnola. Il Barcellona, squadra che ha vinto gli ultimi due campionati, difenderà il titolo vinto per la 26a volta nella sua storia. A disputare il campionato saranno come di consueto 20 squadre, 17 delle quali erano già presenti nella stagione 2018-2019, più le 3 promosse dalla Segunda División (prima e seconda, più vincitrice dei playoff) Osasuna, Granada e Mallorca (che ritorna in prima divisione dopo un'assenza di 6 stagioni. Non ci sono più Rayo Vallecano, Huesca e Girona, retrocessi in Segunda Division.

La Liga: quote e scommesse

La Primera División, conosciuta per ragioni di sponsor con il nome “La Liga”, è la massima categoria del calcio professionistico in Spagna. Amministrata dalla LFP (Liga de Futbol Profesional), essa viene disputata da 20 squadre che si sfidano in un girone all’italiana con partite di andata e ritorno. Al termine della stagione le ultime tre squadre in classifica retrocedono in Segunda División. Allo stesso modo, all’inizio della stagione successiva tre squadre provenienti dalla Segunda División vengono promosse in Liga (due con la promozione diretta, una per mezzo dei playoff).

A oggi sono 62 le squadre che hanno partecipato alla Liga a partire dalla sua fondazione nel 1927 ma soltanto 9 club sono riusciti ad essere incoronati campioni. A farla da padroni sono il Real Madrid con 33 titoli e gli acerrimi rivali del Barcellona campioni per 25 volte. Seguono l’Atletico Madrid con 10 titoli, Athletic Bilbao Valencia con 8 e 6 edizioni vinte rispettivamente. Completano l’elenco la Real Sociedad che vanta 2 campionati vinti e le due formazioni di Siviglia, Sevilla FC e Real Betis con un titolo a testa.

Secondo il coefficiente dei campionati UEFA, la Liga è stato il torneo più competitivo negli ultimi cinque anni, un dato legittimato anche dai successi in campo europeo delle formazioni iberiche. Sono infatti 18 le Champions League vinte da club spagnoli, che la fanno da padroni anche per quanto riguarda Europa League (11), la Supercoppa UEFA (14) e il Campionato del Mondo FIFA per club (6). Oltretutto nei club spagnoli hanno militato ben 19 palloni d’Oro.

Al pari della Premier League, la Liga è uno dei campionati sportivi più seguiti al mondo. La media spettatori allo stadio è di 26,983 presenze. Un dato sull’affluenza che colloca il campionato spagnolo al sesto posto nella classifica degli sport più visti al mondo, e al terzo posto in quella delle leghe calcistiche dietro Bundesliga e Premier League.

Quote Scommesse Liga

Il campionato spagnolo negli ultimi decenni è stato dominato da un’alternanza tra Barcellona e Real Madrid, trascinati da due autentici fenomeni del pallone come Lionel Messi e Cristiano Ronaldo. Negli ultimi cinque campionati della massima divisione spagnola il Barcellona ha trionfato quattro volte, vincendo gli ultimi due titoli di fila. Non è di certo un caso, dunque, se anche quest’anno il club catalano è visto dai bookmaker e dagli addetti ai lavori come il grande favorito per la vittoria del campionato spagnolo: consultando le quote antepost su Eurobet.it relative alla Liga, la squadra di Valverde viene data vincente a 1,62. Dopo i blaugrana c’è il Real Madrid, quotato a 2,30 dopo una pesante campagna trasferimenti. Ben più alta la quota dell’Atletico Madrid, unica squadra di spezzare il dominio barcelonista nell’ultimo lustro: i colchoneros vengono dati campioni a 17,00 volte la posta iniziale. Ancora più alta la quota della vittoria del Valencia, bancato a 81,00. I bookmakers nella loro griglia inseriscono poi il Siviglia a 101,00 volte la puntata. Quote letteralmente impossibili per Getafe e Villarreal, offerte a 201,00 e persino più inverosimili per Athletic Bilbao e Real Betis, pagati a 451,00. Per il resto delle quote, il consiglio è di collegarsi alla sezione scommesse antepost sulla Liga di Eurobet.it.

Record, curiosità e statistiche sulla Liga

Sebbene alcuni la vedano come uno dei più bei campionati al mondo, la Liga è un torneo che è stato spesso tacciato di essere un “affare a due” tra Real Madrid e Barcellona. E in effetti, a parte qualche sporadica incursione, negli ultimi 30 anni ben 24 titoli di campione di Spagna sono stati vinti dalle due grandi. Nell’ultimo decennio, inoltre, questo duopolio è coinciso con il dominio incontrastato dei due marziani Cristiano Ronaldo e Lionel Messi che con Real Madrid e Barcellona hanno praticamente monopolizzato il titolo di Pichichi (così è chiamato il capocannoniere in Spagna) e Palloni d’Oro. Il primato in termini di goal spetta all’argentino autore finora di 383 goal, seguito a ruota da CR7 con 311 marcature. Staccato a 251 reti il bomber degli Anni ’50 Telmo Zarra.

L’impatto di Messi e Ronaldo sulla Liga è stato devastante: basti pensare che l’ex Real Madrid nella sua avventura spagnola ha realizzato 34 triplette, mentre Messi ne ha realizzate 8 in una sola stagione. Se volessimo riportare tutte le loro statistiche, non finiremmo più. Mentre per il portoghese, trasferitosi in Serie A, i numeri restano impressionanti ma si fermano qui, il fuoriclasse dei blaugrana potrà continuare a migliorare i suoi record.

Analizzando i calciatori più presenti di sempre, invece, il record spetta all’ex portiere Andoni Zubizarreta, sceso in campo in 622 incontri ufficiali. Subito dopo l’estremo difensore del Barcellona e della nazionale spagnola, viene un’altra leggenda ossia Raul Gonzalez Blanco, implacabile attaccante del Real Madrid con 550 caps. 

La Liga: movimenti di mercato

Real Madrid alla ricerca di riscatto a suon di milioni

Dopo la stagione negativa dello scorso anno che ha portato all'esonero di Lopetegui, al breve interregno di Solari e al ritorno di Zinedine Zidane, il Real Madrid è alla ricerca di rilancio. Florentino Perez ha investito finora oltre 300 milioni per la campagna acquisti estiva: fiore all'occhiello è Eden Hazard, acquistato dal Chelsea per 100 milioni di euro. Ci sono poi i due difensori Eder Militao e Ferlan Mendy, costati complessivamente un altro centinaio di milioni. Poi i due promettenti attaccanti Rodrygo e Luka Jovic. Basterà per interrompere il monologo del Barça?

Barcellona, un nuovo crack insieme agli altri assi

Quando hai in squadra il calciatore più forte del mondo e accanto a lui alcuni tra i migliori interpreti in circolazione è dura apportare migliorie all’organico. A Barcellona però non lasciano nulla al caso, così in una squadra che può contare su Lionel Messi, Luis Suarez, Coutinho e Ousmane Dembelé, ecco arrivare un altro pezzo da 90 come Antoine Griezmann, acquistato per 120 milioni di euro (e di polemiche) dall’Atletico Madrid. Oltre al francese, altro gioiello arrivato al Camp Nou in questa campagna acquisti risponde al nome di Frenkie de Jong, giovanissimo talento dell’Ajax destinato a una carriera da campione. Poca roba dal punto di vista delle uscite: Malcom è stato ceduto allo Zenit dopo qualche sporadica apparizione, Cillesen è stato incluso in uno scambio col portiere del Valencia, l’ex Juve Neto, e Denis Suarez è stato ceduto al Celta Vigo.

Atletico Madrid, via Griezmann ecco Joao Felix

Chi ha avuto un calciomercato particolarmente movimentato è stato l'Atletico Madrid. A fine maggio Griezmann, che pure aveva rinnovato da poco, ha comunicato ufficialmente la sua volontà di provare una nuova sfida e nel giro di poche settimane si è trasferito al Barcellona. L'Atleti ha incassato il colpo ma così com'è aggressivo in campo ha subito risposto andando a prelevare a peso d'oro l'astro nascente del calcio portoghese Joao Felix dal Benfica: un'operazione da 126 milioni di euro per uno dei talenti più cristallini messi in mostra dal futbol lusitano.

Griezmann non è stata l'unica colonna dell'Atletico ad abbandonare: anche Diego Godìn si è trasferito a parametro zero all'Inter, al suo posto è arrivato Felipe dal Porto. Per sostituire Rodri, ceduto al Manchester City, i colchoneros hanno puntato su Marcos Llorente del Real. Vanno poi segnalati altri due ottimi acquisti come Hector Herrera, anche lui ex Porto preso da svincolato e Kieran Trippier, eccellente crossatore ex Tottenham.

Il Siviglia rifonda

Profondi cambiamenti nella rosa del Siviglia che ha speso circa 125 milioni di euro per la campagna acquisti. Il trasferimento più costoso è stato quello del centrale difensivo Jules Koundé, pagato 25 milioni al Bordeaux. Poi c’è l’ex milanista Lucas Ocampos, acquisito dal Marsiglia per 15 milioni di euro. Ma non è tutto: in difesa è arrivato un altro talento scuola Ajax, Maximilian Wober, a centrocampo invece ci sono stati innesti interessanti come quello del portoghese Oliver Torres e dell’israeliano Moanes Dabbur, messosi in luce con la maglia del Red Bull Salisburgo. Ceduti Sarabia al PSG, Muriel all’Atalanta e Promes all’Ajax.

Valencia, mercato senza botti

Anche quest’estate il Valencia, giunto al quarto posto nello scorso campionato, ha condotto una campagna acquisti in tono minore: il colpo di mercato più costoso è stato quello di Jesper Cillesen, portiere del Barcellona scambiato con Neto. Spicca l’acquisto dell’attaccante uruguagio del Celta Vigo Maxi Gomez e l’innesto a centrocampo del russo Cheryshev, acquisito dal Villarreal. 

SCOMMETTI SULLA liga: TUTTE LE migliori QUOTE SULLa Primera Division  le trovi su eurobet.it