scommesse motogp | quote motomondiale

SCOMMESSE MOTOGP

I protagonisti della MotoGP

 

Terminata la stagione 2018 con la vittoria del "solito" Marquez, che con questo conta 5 titoli iridati nella classe MotoGP, i piloti sono risaliti in sella per i test stagionali e sono ora pronti a tornare in pista per la stagione che sta per iniziare.

Consolidati alcuni matrimoni felici nati nella stagione passata, il 2019 si apre con grandi cambiamenti, ma del resto si sa, a volte per spiccare il volo bisogna avere il coraggio di saltare o, nel nostro caso, di aprire il gas...

Per farci subito un'idea diamo un'occhiata alla griglia completa:

 

ALMA PRAMAC RACING – Jack Miller, Francesco Bagnaia

APRILIA RACING TEAM GRESINI – Andrea Iannone, Aleix Espargaro

DUCATI TEAM – Andrea Dovizioso, Danilo Petrucci

LCR HONDA TEAM – Cal Crutchlow, Takaaki Nakagami

TECH 3 KTM – Miguel Oliveira, Hafyzh Syarhin

YAMAHA FACTORY RACING – Maverick Vinales, Valentino Rossi

PETRONAS SPRINTA YAMAHA TEAM – Fabio Quartararo, Franco Morbidelli

REALE AVINTIA RACING – Tito Rabat, Karel Abraham

RED BULL KTM FACTORY RACING – Johann Zarco, Pol Espargaro

REPSOL HONDA TEAM – Marc Marquez, Jorge Lorenzo

TEAM SUZUKI ECSTAR – Alex Rins – Joan Mir

 

Il nome che subito salta all'occhio è sicuramente quello del maiorchino Jorge Lorenzo che, dopo due anni al di sotto delle aspettative in casa Ducati, lascia la scuderia di Borgo Panigale e passa alla Honda tornando a formare una coppia tutta spagnola con Marc Marquez e prendendo il posto del connazionale Dani Pedrosa che si è ritirato dopo 18 anni in sella al bolide giapponese.

Il posto in Ducati non resta comunque vacante e torna anzi in mano ad un Italiano: Danilo Petrucci. Il giovane ternano trova finalmente la sua occasione per dimostrare il suo valore in sella ad una moto ufficiale e lascia il team Pramac dopo 4 anni ricongiungendosi al connazionale Andrea Dovizioso per concorrere insieme ad un sogno iridato tutto tricolore.

Opportunità per gareggiare in un team ufficiale anche per Johann Zarco che, dopo due anni in sella alla  Yamaha Tech3 ha firmato un contratto con la KTM e fino al 2020 affiancherà lo spagnolo Pol Espargaro.

Movimenti anche in casa Aprilia dove approda Andrea Iannone che va ad affiancarsi a Aleix Espargaro, lasciando a Joan Mir la sella della sua Suzuki.

TEAM SATELLITI - Anche qui, e in risposta ai passaggi nei team ufficiali, si registrano diversi riassetti. Il team Pramac Ducati, orfano della perdita di Danilo Petrucci, si è assicurato il campione del mondo uscente della Moto2, il giovane Francesco Bagnaia. La KTM Tech3 ha sopperito invece alla perdita di Johann Zarco con il rookie Miguel Oliveira. Il nuovo team della Yamaha invece si presenterà ai nastri di partenza con Franco Morbidelli, al suo secondo anno in MotoGP, e Fabio Quartararo, arrivato invece dalla Moto2. Non cambia invece l’assetto della LCR Honda, che ha confermato sia Cal Crutchlow che il giapponese Takaaki Nakagami.

E Valentino Rossi?

Il centauro di Tavullia ci crede e ancora e, alla sua 24esima stagione di Motomondiale, si classifica come il pilota più esperto attualmente in attività.  Vincitore di 9 titoli mondiali, il 40enne pesarese non si accontenta e punta ora a coronare il sogno del decimo avvicinandosi ancora di più ai record di titoli di Angel Nieto (13) e Giacomo Agostini (15). Riuscirà in sella alla sua M1 a compiere l'impresa in questa stagione?

 

Chi vincerà il Motomondiale?

Calendario MotoGP 2019

DATA CIRCUITO
 10 MARZO, ore 19:00

GP QATAR - Losail

 31 MARZO, ore 21.00 GP ARGENTINA - Termas de Rio Hondo
 14 APRILE, ore 21.00 GP STATI UNITI - Austin
 5 MAGGIO, ore 14.00 GP SPAGNA - Jerez de la Frontera
 19 MAGGIO, ore 14.00 GP FRANCIA - Le Mans
 2 GIUGNO, ore 14.00 GP ITALIA - Mugello
 16 GIUGNO, ore 14.00 GP CATALOGNA - Barcellona
 30 GIUGNO, ore 14.00 GP OLANDA - Assen
 7 LUGLIO, ore 14.00 GP GERMANIA - Sachsenring
 4 AGOSTO, ore 14.00 GP REPUBBLICA CECA - Brno
 11 AGOSTO, ore 14.00 GP AUSTRIA - Spielberg
 25 AGOSTO, ore 16.30 GP GRAN BRETAGNA - Silverstone
 15 SETTEMBRE, ore 14.00 GP SAN MARINO - Misano
 22 SETTEMBRE, ore 14.00 GP ARAGON - Aragon
 6 OTTOBRE, ore 07.00 GP TAILANDIA -Chang
 20 OTTOBRE, ore 07.00 GP GIAPPONE - Motegi
 27 OTTOBRE, ore 07.00 GP AUSTRALIA - Phillip Island
 3 NOVEMBRE, ore 08.00 GP MALESIA - Sepang
 17 NOVEMBRE, ore 14.00 GP VALENCIA - Valencia

Il Motomondiale 2019

 

Manca pochissimo ormai e già i preparativi fervono per la prima gara in calendario: Qatar, 10 Marzo 2019.

Riparte quindi la grande stagione dei motori e torna sui nostri schermi la manifestazione più amata nel mondo delle due ruote: si ricomincia finalmente a sognare con la MOTOGP. I piloti hanno lavorato duramente per perfezionare e spingere al limite le proprie moto e per regalarci otto mesi di grandi emozioni. Ma partiamo dai test: a chi, staccata lo scorso Novembre la connessione dalle news del mondo delle due ruote, capitino oggi in mano i risultati degli ultimi test in Qatar la prima cosa a saltare all'occhio sarebbe sicuramente la più straordinaria. 15 piloti racchiusi in un secondo, con Vinales alla testa e Dovizioso in coda. Che si sia giunti ad un livello tale di competitività da aspettarsi una stagione davvero carica di?

Guardiamo un pò alle pagelle dei team e alle prestazioni dei piloti:

HONDA - La RC213V sembra aver recuperato il gap in velocità con Ducati: una migliore accelerazione teoricamente permette a Marquez di non dovere staccare troppo dentro la curva, risparmiando la gomma anteriore da eccessive sollecitazioni e degrado. La nuova moto era già ben più che abbozzata già da Novembre, ma dei tre piloti di vertice che Hrc ha nel proprio tridente, non c'è n'è stato uno in perfette condizioni fisiche lungo tutto l'arco dell'inverno. Ora sembrerebbe che tanto Marquez quanto Lorenzo siano in ripresa e si spera che per l'esordio possano dare il meglio di loro.

DUCATI - Come tutti gli anni la casa di Borgo Panigale punta sulle novità tecniche: la GP19 sembra puntare sempre al meglio, ma Andrea Dovizioso tiene i piedi saldamente a terra e prima di sbilanciarsi sa che bisogna avere riscontro su più tracciati. Buono il feeling tra piloti: Petrux è veloce, collaborativo e inquadrato negli schemi del team!  Alla Ducati manca ancora qualcosa per diventare la moto totale e per battere Marquez non è detto che il pacchetto a disposizione basti, ma di sicuro l'impegno non manca.

YAMAHA - Tante le novità nell'organizzazione, nei nuovi team satelliti e nei test, ma i problemi della nuova YZR-M1 sembrano sempre gli stessi. Il degrado della gomma posteriore e le carenze in accelerazione rimangono le questioni aperte sul tavolo di Iwata. Abbastanza soddisfatti i due piloti che ritengono corretta la strada intrapresa per migliorare, ma sarà fondamentale non perdere la bussola.

SUZUKI -  La GSX-RR è migliorata nel motore, la ciclistica rimane un punto di riferimento e tutto sommato si può affermare di aver lavorato bene tirando fuori il massimo dalle risorse a disposizione. Un pò di preoccupazione per l'inesperienza dei due piloti, ma tanta la buona volontà e la voglia di far bene!

KTM - La RC16, con soli due anni di esperienza in motoGP, non sembra ancora trovare il bandolo della matassa e i problemi persistono. Migliora l'ingresso in curva, ma non la percorrenza e l'accelerazione in uscita. E se da una parte Pol Espargaro ha le idee chiare di chi il mezzo lo conosce, Joahnn Zarco ha difficoltà a guidare una moto dalle prestazioni diametralmente opposte rispetto alla sua vecchia M1. Di grande rilevanza per la casa austriaca sarà sicuramente il contributo di Dani Pedrosa come tester, ma difficilmente potremmo aspettarci più di quanto abbiamo visto nel biennio passato.

APRILIA - La nuova RS-GP si presenta meglio del 2018 e il direttore sportivo Aprilia Romano Albesiano può tirare un sospiro di sollievo. L'arrivo di Bradley Smith come tester e di Massimo Rivola come team manager promettono impegno, razionalità e organizzazione, l'acquisto di Iannone, ambizione, anche se ad ora il pilota di Vasto è lontano dall'aver trovato il giusto feeling in sella..

Questo è quanto portiamo a casa dai test, ma poi si sa che in pista ... è tutta un'altra cosa. Dunque, nella scenografica cornice notturna del circuito di Losail, in Qatar, faranno il loro esordio in classe regina, la MotoGP, moto2 e moto3.

8 mesi dal 10 Marzo al 17 Novembre per 19 gare al cardiopalma.  Noi siamo pronti, e tu?

Semafori spenti... scatenate l'inferno!

Classifica Piloti e Scuderie MotoGP 2018

Pos. Piloti Punti Vittorie Podi
1

M. Márquez - Honda

201 5 9
2

V. Rossi - Yamaha

142 0 5
3

J. Lorenzo - Ducati

130 3 4
4

A. Dovizioso - Ducati

129 2 4
5

M. Viñales - Yamaha

113 0 3
6

D. Petrucci - Ducati

105 0 1
7

J. Zarco - Yamaha

104 0 2
8

C. Crutchlow - Honda

103 1 1
9

A. Iannone - Suzuki

84 0 2
10

Á. Rins - Suzuki

66 0 2
11

D. Pedrosa - Honda

66 0 0
12

J. Miller - Ducati

61 0 0
13

Á. Bautista - Ducati

57 0 0
14

T. Rabat - Ducati

35 0 0
15

P. Espargaró - KTM

32 0 0
16

H. Syahrin - Yamaha

24 0 0
17

F. Morbidelli - Honda

22 0 0
18

A. Espargaró - Aprilia

17 0 0
19

B. Smith - KTM

15 0 0
20

S. Redding - Aprilia

12 0 0
21

T. Nakagami - Honda

11 0 0
22

M. Kallio - KTM

6 0 0
23

K. Abraham - Ducati

4 0 0
24

T. Lüthi - Honda

0 0 0
25

S. Bradl - Honda

0 0 0
26

X. Siméon - Ducati

0 0 0
27

S. Guintoli - Suzuki

0 0 0
Pos. Scuderie Punti Vittorie Podi
1 Honda 236 6 10
2 Ducati 208 5 9
3 Yamaha 183 0 10
4 Suzuki 118 0 4
5 KTM 41 0 0
6 Aprilia 27 0 0

Puoi scommettere sulla MotoGP su Eurobet.it 

Tutte le quote scommesse sulla MotoGP le trovi su Eurobet

Fai il login o Registrati sul sito di scommesse Eurobet.it!

Riuscirà Vale Rossi a vincere il suo decimo Motomondiale? Seleziona le quote MotoGP che vuoi mettere in schedina e fai la tua giocata...