Scommesse Coppa Africa: le migliori quote sulla Coppa d'Africa

Coppa d’Africa 2019

Inizio: 21 giugno 2019

Conclusione: 19 luglio 2019

La Coppa delle Nazioni Africane 2019 (detta anche Total Africa Cup of Nations 2019 per ragioni di sponsor) sarà la 32ª edizione di questo torneo di calcio continentale per squadre nazionali maggiori maschili. Organizzato dalla CAF, la sua fase finale si svolgerà dal 21 giugno e al 19 luglio 2019. Solitamente organizzata tra gennaio e febbraio, quest’edizione sarà la prima a disputarsi in estate nonché la prima a cui parteciperanno 24 nazionali.

Questa edizione della coppa si sarebbe dovuta svolgere in Camerun, tuttavia, lo scorso 30 novembre 2018 la CAF, dopo aver appurato i ritardi nella costruzione delle infrastrutture e alcune falle nella sicurezza ha revocato la concessione alla nazionale campione in carica, rimettendo in ballo la candidatura per gli altri Paesi. Qualche settimana più tardi, precisamente l’8 gennaio, la fase finale del torneo è stata affidata all'Egitto. Oltre alla sede sono cambiate leggermente anche le date di svolgimento del torneo: originariamente in programma dal 15 giugno al 13 luglio, la manifestazione è stata poi spostata dal 21 giugno al 19 luglio a causa del Ramadan.

Per ospitare l’edizione di quest’anno sono state scelte 5 città e sei stadi: lo Stadio Internazionale del Cairo, lo Stadio del 30 giugno sempre a Il Cairo, lo Stadio di Alessandria ad Alessandria d'Egitto, lo Stadio di Suez a Suez, lo Stadio Ismailia a Ismailia e l'Al Masry Club Stadium a Porto Said, quest'ultimo sostituito il 13 marzo dallo stadio Al Salam a Il Cairo a seguito del rilevamento di un problema con uno degli stand principale dello stadio. La partita inaugurale e la finale si disputeranno allo Stadio Internazionale del Cairo.

Coppa d’Africa

La Coppa delle Nazioni Africane (torneo noto anche con l'acronimo CAN che sta per Coupe d'Afrique des Nations e Africa Cup of Nations) detta più comunemente Coppa d'Africa, è la più importante competizione calcistica in cui si sfidano le nazionali appartenenti alla CAF, la confederazione che raggruppa gli stati africani.

Il torneo si gioca con cadenza biennale. Con gli anni il numero delle squadre iscritte alla CAF è stato in costante crescita, anche per questo il governo del calcio africano ha introdotto un torneo di qualificazione tramite il quale sono selezionate (dal 2019) le nazionali che, aggiungendosi alla squadra del paese ospitante (qualificata d'ufficio, talora anche più di una), formano le 24 partecipanti alla manifestazione.

Coppa d’Africa: cenni storici sulla competizione

La prima edizione del torneo fu organizzata in Sudan nel 1957 dalle quattro nazionali fondatrici della CAF, ossia Egitto, Sudan, Etiopia e Sudafrica, le quali decisero fosse doveroso dotarsi di un proprio torneo calcistico. Nacue così la Coppa d’Africa la cui prima edizione, fu tutt’altro che un successo. Il Sudafrica fu squalificato, si giocarono, così, solo due gare, con l’Egitto che si laureò campione. In occasione della terza edizione nel 1962, il numero delle nazionali partecipanti salì a 9. La popolarità della manifestazione crebbe negli anni ’60 anche grazie alle prime stelle del calcio africano (su tutte Laurent Pokou, attaccante che con la Costa d’Avorio realizzò 14 reti in due edizioni, 1968 e 1970).

Uno degli aspetti più apprezzati della Coppa d’Africa è la sua imprevedibilità: basti pensare come tra il 1970 e il 1980 vi siano stati ben sei vincitori diversi tra loro. Tra queste squadre c’è anche lo Zaire che vinse l’edizione del 1974 nello stesso anno fu la prima nazionale dell’Africa sub-sahariana a disputare una fase finale della Coppa del Mondo. Il decennio successivo è dominato da nazionali come Camerun e Ghana: il loro calcio è in rapida evoluzione e molti dei calciatori di queste nazionali trovano la loro dimensione nel calcio europeo. I vari Madjer, Roger Milla, Abedì Pele, si affermano anche in Europa, alzando la credibilità del calcio africano.

Gli Anni 2000 vedono la grande ascesa di campioni come Samuel Eto’o, ma è sempre l’Egitto a fare piazza pulita: i faraoni piazzano addirittura tre vittorie consecutive nel 2006, 2008 e 2010. Nel 2010, la CAF prende anche una decisione importante, ossia quella di far disputare la manifestazione negli anni dispari e non pari, affinché le nazionali africane non arrivino troppo stanche alla Coppa del Mondo.

Coppa d'Africa: le quote dei possibili vincitori

La Coppa d'Africa è un torneo molto amato dagli appassionati poiché il suo esito finale non è mai scontato. In molte edizioni, infatti, è successo che le squadre indicate da tutti come le favorite per la vittoria deludessero le attese e che a vincere fossero delle autentiche sorprese.

In ogni caso c'è sempre una griglia delle formazioni più accreditate alla vittoria di questa edizione com’è possibile evincere dalle quote vincente Coppa d’Africa su Eurobet.it. I quotisti individuano come indiziata numero uno per sollevare la coppa, la nazionale dell'Egitto: i faraoni, oltre a essere i più titolati della storia del torneo continentale africano, giocano in casa e possono vantare un buon tasso tecnico, perciò sono bancati 3,50 volte la posta iniziale.

Dopo gli egiziani, i bookmakers vedono abbastanza bene il Ghana (7,00), il Senegal (8,00) e la Costa d'Avorio (10,00). C'è un ottimismo più tiepido per quanto riguarda un nutrito gruppo di squadre: i campioni in carica del Camerun sono quotati a 11,00, poi troviamo Algeria, Mali, Marocco, Nigeria e Tunisia, tutte offerte a 12,00 volte la posta iniziale. Sono entrambe quotate a 15,00 le nazionali di Guinea e Repubblica Democratica del Congo.

Le quote iniziano a farsi decisamente più alte per squadre come il Sudafrica, bancato 35,00 volte, la Mauritania, offerta a 51,00, il Benin, pagato a 76,00, Angola e Kenia offerti a 91,00. Per non parlare di Uganda, Zimbabwe pagati a 121,00, Burundi e Guinea-Bissau offerti a 151,00. Chiudono Madagascar, Namibia e Tanzania, il cui successo viene quotato 201,00 volte la posta iniziale

Coppa d’Africa: curiosità, statistiche e record

La Coppa d'Africa, nelle trentuno edizioni disputate finora, è stata vinta da quattordici nazionali. L'Egitto è la nazionale più titolata (7 successi), seguita da Camerun (5), Ghana (4), Nigeria (3), Costa d'Avorio (2), RD del Congo (2, successi ottenuti come Congo-Kinshasa e Zaire), Algeria (1), Etiopia (1), Marocco (1), Rep. del Congo (1), Sudafrica (1), Sudan (1), Tunisia (1), Zambia (1). L'Egitto è anche la nazionale con il maggior numero di partecipazioni alla fase finale del torneo (23).

Gli egiziani Essam al-Hadary e Ahmed Hassan sono i due giocatori che hanno vinto più edizioni della Coppa d’Africa sollevando il trofeo ben quattro volte (1998, 2006, 2008 e 2010). Il miglior marcatore nella storia della Coppa d’Africa è Samuel Eto’o. L’ex attaccante camerunese di Barcellona e Inter ha realizzato 18 reti e precede l’ivoriano Laurent Pokou con 14 goal e il nigeriano Rashidi Yekini a quota 13.

In fatto di goal, va citato anche lo zairese Pierre Ndaye Mutamba che nell’edizione del 1974, segnò la bellezza di 9 reti complessive, record tutt’ora imbattuto. Nella storia del torneo c’è anche Rigobert Song, difensore del Camerun passato in Italia con la maglia della Salernitana: è lui il giocatore che ha disputato più partite di Coppa d’Africa con 36 presenze.

Coppa d’Africa 2019: il format della competizione

Con l'allargamento a 24 partecipanti, la fase finale ha registrato l’introduzione delle seguenti novità:

·         6 gironi eliminatori invece di 4;

·         introduzione degli ottavi di finale nella fase a eliminazione diretta;

·         qualificazione diretta agli ottavi di finale per le prime due classificate di ogni girone più le quattro migliori terze.

Per determinare la posizione in classifica di squadre che si trovano a parità di punti saranno presi in considerazione, nell'ordine, i seguenti criteri:

·         maggiore numero di punti negli scontri diretti tra le squadre interessate (classifica avulsa)

·         migliore differenza reti globale

·         maggiore numero di reti segnate globale

·         sorteggio da parte del comitato CAF

Nel caso in cui più di due nazionali avessero lo stesso numero di punti in classifica, per determinare la loro posizione saranno presi in considerazione, nell'ordine, i seguenti parametri:

·         maggiore numero di punti negli scontri diretti tra le squadre interessate (classifica avulsa);

·         migliore differenza reti negli scontri diretti tra le squadre interessate (classifica avulsa);

·         maggiore numero di reti segnate negli scontri diretti tra le squadre interessate (classifica avulsa)

Se tuttavia dopo aver applicato i criteri precedenti due squadre si trovassero ancora in parità, si applicheranno nuovamente i tre criteri alle due squadre in questione per determinare la loro posizione finale. Se questa procedura non permetterà di separarle verranno utilizzati, sempre nell'ordine, gli ulteriori parametri qui di seguito:

·         migliore differenza reti globale;

·         maggiore numero di reti segnate globale;

·         sorteggio da parte del comitato CAF.

Le prime due nazionali classificate di ogni gruppo più le quattro migliori terze accedono alla fase a eliminazione diretta che consiste in un tabellone di quattro turni (ottavi di finale, quarti di finale, semifinali e finali) ad accoppiamenti interamente prestabiliti e con incontri basati su partite uniche ed eventuali tempi supplementari e calci di rigore in caso di persistenza della parità tra le due contendenti, ad eccezione della finale per il terzo posto nella quale, in caso di parità alla fine dei tempi regolamentari, il vincitore verrà stabilito direttamente mediante i calci di rigore.