scommesse hockey su ghiaccio | quote NHL

Quote nhl | scommesse hockey su ghiaccio

Scommesse NHL: scopri le migliori quote

Scommesse NHL 2019-2020: le quote

Le quote antepost NHL stilate dai bookmakers per la vittoria della Stanley Cup 2019-2020 al momento suggeriscono la presenza di almeno quattro franchigie con le stesse possibilità di vincere il trofeo. I quotisti ritengono che tra i favoriti, oltre ai soliti Toronto Maple Leafs (la seconda franchigia più vincente nella storia della National Hockey League con 13 Stanley Cup vinte) vi siano anche i Boston Bruins (6 volte campioni). i Tampa Bay Lightning (1 solo titolo) e i Vegas Golden Knights (per cui sarebbe una prima volta assoluta, non avendo mai vinto il titolo, tuttavia, bisogna ricordare che la suddetta franchigia è stata fondata solo nel 2017). Tutte e quattro le franchigie sono quotate a 9,00 volte la posta iniziale.

Appena più alte le quote NHL offerte per i Colorado Avalanche, bancati a 10,00. Seguono i St. Louis Blues a 15,00, i Nashville Predators e i Washington Capitals, entrambe a 17,00. Quotati a 21,00 Calgary Flames, Carolina Hurricanes, Pittsburgh Penguins e Winnipeg Jets. Di poco più alta la quota per Dallas Stars, Edmonton Oilers e Florida Panthers, quotati a 23,00. A 25,00 troviamo i San José Sharks, mentre la quota offerta per i New York Islanders e i Philadelphia Flyers è di 31,00. Buffalo Sabres, Montreal Canadiens (la squadra più titolata della NHL), New Jersey Devils e New York Rangers sono tutte bancate a 35,00 volte la posta iniziale. A seguire, per le scommesse NHL, troviamo i Vancouver Canucks, i Chicago Blackhawks e gli Arizona Coyotes, quotati rispettivamente a 41,00, 44,00 e 51,00. Ancora più alte le quote NHL per gli Anaheim Ducks, a 61,00 come i Columbus Blue Jackets, per i Detroit Red Wings a 71,00. Chiudono i Los Angeles Kings e i Minnesota Wild a 81,00, mentre la quota "Altro" è offerta a 151,00.

NHL: stagione 2019-2020

·         Data d’inizio 2 ottobre 2019

·         Data di fine giugno 2020

La stagione 2019-2020 di NHL sarà la 103esima nella storia della National Hockey League. 31 squadre competeranno in una regular season composta da 82 giornate che ha avuto inizio lo scorso 2 ottobre 2019 e terminerà il 4 aprile 2020. Nei giorni successivi avranno inizio i play-off di Stanley Cup, con le finali di Stanley Cup che si terranno tra fine maggio e inizio giugno 2020.

Il draft 2019 si è tenuto il 21 e 22 di giugno. I New Jersey Devils hanno selezionato come prima scelta assoluta l’attaccante Jack Hughes. Due gare della pre-season sono state giocate in Europa. I Chicago Blackhawk hanno affrontato l'Eisbären Berlin alla Mercedes-Benz Arena di Berlino, mentre i Philadelphia Flyers hanno affrontato il Lausanne HC alla Vaudoise Arena di Losanna.

La National Hockey League, comunemente conosciuta con l’acronimo NHL, è il campionato professionistico di hockey su ghiaccio composto da 31 squadre provenienti dagli Stati Uniti (24) e dal Canada (7). La NHL è considerata la principale lega di hockey su ghiaccio al mondo, e insieme all’NBA e l’NFL, una delle maggiori leghe sportive professionistiche nordamericane.

Il campionato è diviso in Eastern Conference e Western Conference. A loro volta le due conference sono organizzate in ulteriori divisioni: a Est abbiamo l’Atlantic Division e la Metropolitan Division, mentre a Ovest ci sono la Central Division e la Pacific Division. Dopo il termine della regular season vengono disputati dei play-off, al termine dei quali la squadra campione di lega vince la Stanley Cup, il più antico trofeo per sport professionistici del Nord America

NHL: un po’ di storia

La National Hockey League fu fondata nel 1917 come successore della National Hockey Association, una lega fondata nel 1909 che aveva iniziato le sue attività un anno più tardi annoverando sette team tra Ontario e Quebec. Una serie di dispute tra i proprietari delle squadre, indussero alcuni team a sospendere la lega e a formare la NHL di cui Frank Calder fu scelto come primo presidente, restando in carica fino al 1943. Le squadre fondatrici furono i Canadiens, i Wanderers ed i Senators.

Le squadre della NHL furono molto competitive sin dai loro esordi e nei primi nove anni di vita della lega conquistarono per sette volte la Stanley Cup che dal 1926 divenne un trofeo esclusivo della NHL. Da quel momento in poi la lega prese a espandersi: vi fu l'ingresso degli Hamilton Tigers (1920–21), cui fecero seguito quelli di Boston Bruins (1924), Montreal Maroons (1924-25), New York Americans, Pittsburgh Pirates (1925-26), New York Rangers, Chicago Blackhawks e Detroit Cougars (1926–27). Fu così che nella stagione 1930-31 la lega poteva contare su 10 team. Il numero di squadre scese a sei negli anni compresi tra la grande depressione e la 2^ guerra mondiale: queste franchigie sono oggi conosciute con il nome di Original Six e sono Montreal Canadiens, Toronto Maple Leafs, Detroit Red Wings, Chicago Blackhawks, Boston Bruins e New York Rangers. Per i successivi 25 furono gli unici team a competere all’interno della National Hockey League.

Per rendere più appetibile la lega, nel 1967 il numero di squadre fu portato da 6 a 12, registrando l’ingresso nel campionato di Philadelphia Flyers, St. Louis Blues, Minnesota North Stars, Los Angeles Kings, Oakland Seals e Pittsburgh Penguins. Con le squadre si pensò di suddividere la lega in due gruppi: le Original Six vennero messe nella East Division, mentre le sei squadre nuove formarono la West Division. Il nuovo format modificò anche la composizione dei playoff che furono allargati passando da 4 a 8 squadre (4 per division). I primi due turni venivano giocati all'interno della propria division (primo turno con accoppiamenti 1-4 e 2-3, quindi la finale divisionale), garantendo quindi lo scontro per la Stanley Cup tra una Original Six e una squadra di espansione.

La lega subì un nuovo allargamento nel 1970 quando entrarono a farne parte i Vancouver Canucks e Buffalo Sabres. Per fronteggiare la crescente rivalità con la World Hockey Association nata parallelamente nel 1972, la NHL decise un un'ulteriore espansione aggiungendo alla lega i New York Islanders e gli Atlanta Flames, e due anni più tardi i, Kansas City Scouts e i Washington Capitals. Nel 1979, la World Hockey Association si sciolse e quattro dei rimanenti sei team della WHA (New England Whalers, Québec Nordiques, Edmonton Oilers e Winnipeg Jets) si unirono alla NHL, mentre gli altri due furono sciolti. Le 18 squadre della NHL vennero suddivise in 2 conference chiamate Campbell e Wales, suddivise a loro volta in due division secondo criteri non geografici (per questo furono adottate denominazioni legate a personaggi storici dell'hockey nord-americano.

Le division della Wales Conference si chiamavano Adams e Norris, mentre quelle della Campbell Conference si chiamavano Patrick e Smythe). Al fine di diminuire i costi degli spostamenti, furono apportati opportuni aggiustamenti alla suddivisione delle squadre nelle varie division per ottenere una suddivisione maggiormente geografica: la Wales Conference rappresentava l'Est (in particolare, la Adams Division copriva il nord-est, la Patrick Division copriva la costa atlantica), mentre la Campbell Conference rappresentava l'Ovest (in particolare, la Norris Division copriva la fascia centrale, mentre la Smythe Division copriva la zona più occidentale). Questa suddivisione cambiò nel 1993, quando la NHL si riorganizzò in conference "geografiche" (Eastern e Western), a loro volta suddivise dapprima in due division (Northeast e Atlantic; Central e Pacific) e quindi, dalla stagione 1998-99, in tre (Atlantic, Southeast e Northeast; Central, Northwest e Pacific).

Le ragioni della riorganizzazione sono da imputare alla rapida espansione verso gli Stati Uniti ed allo sforzo di espandere il bacino di utenza della lega. Dagli anni 90’ ad oggi si sono aggiunte 9 nuove franchigie: San Jose Sharks nel Ottawa Senators e Tampa Bay Lightnin, Mighty Ducks of Anaheim e Florida Panthers nel 1993, Nashville Predators nel 1998, Atlanta Thrashers nel 1999 (divenuti Winnipeg Jets nel 2011), Minnesota Wild e Columbus Blue Jackets nel 2000, portando così il totale alle 31 squadre attuali.

NHL: record, statistiche e curiosità

La squadra più titolata della NHL sono i Montreal Canadiens che hanno sollevato la Stanley Cup ben 24 volte. Subito dopo troviamo un’altra franchigia canadese, ossia i Toronto Maple Leafs, vincitori del trofeo in ben 13 occasioni. Completano il podio i Detroit Red Wings con 11 affermazioni. Il record di punti è ancora una volta detenuto dai Montreal Canadiens che nel ’76-’77 toccarono quota 132. La striscia di vittorie più lunga tra casa e trasferta, invece, appartiene ai Pittsburgh Penguins che nella stagione ’92-’93 rimasero imbattuti per ben 17 gare.

Il giocatore ad aver vinto il maggior numero di Stanley Cup è il canadese Henri Richard che ha trionfato ben 11 volte vestendo la maglia dei Montreal Canadiens, mentre il record di Stanley Cup vinte da un giocatore con maglie diverse è un primato condiviso dai canadesi Jack Marshall e Hap Holmes, che vinsero con 4 franchigie differenti. Il maggior numero di partite giocate spetta invece a un altro canadese, Gordie Howe che ha giocato 1767 partite in 26 stagioni.  

solo su eurobet.it trovi le migliori quote NHL: Fai le tue scommesse sul campionato di HOCKEY SU GHIACCIO più avvincente al mondo, scommetti sulla nhl!