quote scommesse Barcellona-Real Madrid

quote barcellona-real madrid

Il Barcellona che ospita il Real

 

Il Barcellona allenato da Ernesto Valverde si è presentato ai nastri di partenza della stagione 2018-2019 da campione in carica della Liga e della Copa del Rey.

Durante il calciomercato estivo la dirigenza azulgrana ha visto cambiare in maniera abbastanza significativa la propria rosa.

Prima di tutto va ricordato che il Barça da quest’anno non può più contare sulla classe di Andrés Iniesta, trasferitosi ai giapponesi del Vissel Kobe per concludere una carriera monumentale in cui ha vinto praticamente tutto con il suo club e con la nazionale spagnola.

Hanno lasciato la Catalogna anche Yerri Mina, Lucas Digne e André Gomes, ceduti all’Everton. Infine Aleix Vidal è tornato al Siviglia e Paulinho ha fatto ritorno ai cinesi del Guangzhou Evergrande. Tra gli acquisti vanno segnalati due brasiliani: Malcom, ala prelevata dal Bordeaux e soffiata alla Roma che aveva praticamente chiuso l’affare, e Arthur, acquistato dal Gremio.

Muscoli e centimetri sono arrivati anche in difesa e a centrocampo con Clemént Lenglet e Arturo Vidal, prelevati rispettivamente da Siviglia e Bayern Monaco. Infine, hanno fatto ritorno alla base anche i canterani Munir, Rafinha e Sergi Samper rientrati dai prestiti ad Alaves, Inter e Las Palmas. La stagione si è aperta ufficialmente il 12 agosto 2018 con la finale di Supercoppa di Spagna che ha visto il Barcellona opposto al Siviglia (finalista perdente della passata edizione della Copa del Rey).

La gara, giocata allo stadio Ibn Batouta di Tangeri in Marocco è stata vinta 2-1 in rimonta dai catalani (goal di Sarabia in avvio, pari di Piqué a fine primo tempo e goal del sorpasso di Dembelé nella ripresa). Ottima la partenza in campionato dove la squadra di Valverde ha collezionato quattro vittorie nelle prime quattro partite, tra cui spicca il fragoroso 8-2 con cui ha travolto il malcapitato Huesca. La striscia di vittorie consecutive si è interrotta il 23 settembre nel derby catalano contro il Girona terminato 2-2.

Da questo momento in poi il Barcellona non è più riuscito a vincere in campionato, anzi è arrivata la prima sconfitta stagionale dopo il 2-1 in casa del Leganés, un risultato cui hanno fatto seguito i pareggi entrambi col risultato di 1-1 contro l’Athletic Bilbao al Camp Nou e contro il Valencia al Mestalla. In Champions League, dove i blaugrana sono stati sorteggiati nel Gruppo B insieme a Tottenham, Inter e PSV Eindhoven, invece, le cose sono andate nettamente meglio.

Alla prima giornata Messi (autore di una tripletta) e compagni hanno travolto il PSV davanti al pubblico di casa tramortendo la squadra allenata dall’ex Mark Van Bommel con un rotondo 4-0, mentre nel secondo turno gli spagnoli si sono imposti in casa del Tottenham con uno spettacolare 2-4 davanti al pubblico di Wembley.

Mentre in Europa il cammino verso la qualificazione agli ottavi di finale sembra essere in discesa, in campionato il Barça deve recuperare terreno sul Siviglia, che attualmente si trova sorprendentemente in testa alla classifica. Un’impresa tutt’altro che proibitiva per una squadra che può vantare grandi giocatori come Luis Suarez e Coutinho e soprattutto un extraterrestre come Lionel Messi.

Scommesse Barcellona-Real Madrid

Sia il Barcellona, sia il Real Madrid, non arrivano in uno stato di forma particolarmente smagliante al clásico del 28 ottobre: entrambe, infatti, non trovano la vittoria da diverse partite. Tra le due formazioni, tuttavia, quella che appare più in salute considerando anche il cammino in Champions League, è la squadra catalana.

Non a caso, anche l’orientamento dei bookmaker in relazione alle quote per la vittoria del match sono più basse per il Barcellona. Gli uomini di Valverde, inoltre, avranno la possibilità di giocare davanti al pubblico di casa potendo contare sulla spinta di un Camp Nou come al solito tutto esaurito (nonostante Lopetegui sia costretto a vincere, o perlomeno a non perdere per salvare la panchina).

Come al solito, infatti, la sfida tra le due compagini più vincenti del calcio spagnolo si annuncia ricca di goal e spettacolo. A lasciar pensare che gli spettatori non resteranno delusi c’è una lunga tradizione di goal: basta scorrere indietro nel tempo per constatare che nelle ultime 10 partite in Liga tra Barcellona e Real Madrid, soltanto una volta sono stati segnate meno di tre reti (1-1 del 3 dicembre 2016).

Un dato che diventa significativo se s’intende effettuare una giocata di tipo over 2,5 o over 3,5 (più rischioso ma sicuramente con una quota più alta). Inoltre, sempre tenendo conto degli ultimi 10 incontri si può riscontrare come in 8 occasioni abbiano segnato entrambe le squadre, un dato utile se l’intenzione è quella di effettuare una giocata goal-goal.

In merito ai potenziali marcatori Lionel Messi è il miglior realizzatore del Barcellona con 7 goal in campionato, mentre Karim Benzema è il capocannoniere dei blancos con 4 goal. Dato il numero di stelle in campo, però, non sono da escludere altri possibili protagonisti come Luis Suarez o Gareth Bale. 

 

Precedenti Barcellona-Real Madrid

Barcellona e Real Madrid sono due delle compagini che hanno contribuito alla fondazione della Liga e non essendo mai retrocesse in Segunda División si sono affrontate ogni stagione dal 1929. Gli incontri di campionato tra le due squadre sono 176 e il bilancio pende lievissimamente in favore del Real Madrid, vittorioso in 72 gare contro le 70 del Barcellona, mentre sono 34 gli incontri terminati in parità.

Tra le mura amiche in campionato, il Barcellona ha vinto 49 incontri sugli 88 sin qui disputati rimediando 19 pareggi e 20 sconfitte. Una delle vittorie più eclatanti degli ultimi anni è stato il 5-0 del 29 novembre 2010, la celebre manita (reti di Xavi, Pedro, doppietta di Villa e Jeffren).

L’ultima vittoria al Camp Nou del Real, invece, risale al 2 aprile 2016 quando dopo un primo tempo a reti bianche, tutto si decise nella ripresa: passati inizialmente in svantaggio dopo il goal di Piqué i blancos riuscirono a pareggiare con Karim Benzema e a completare la rimonta grazie a un goal di Cristiano Ronaldo.

Le ultime due sfide risalenti allo scorso campionato, invece, sono finite con una vittoria per il Barcellona all’andata (0-3 al Bernabeu con goal di Suarez, Messi e Aleix Vidal) e con un pari al ritorno (2-2 al Camp Nou con reti di Suarez, Messi, Ronaldo e Bale). 

Il Real Madrid in vista del clásico

 

La stagione 2018-2019 non è incominciata nel migliore dei modi per il Real Madrid, squadra che dopo aver vinto la terza Champions League di fila è stata costretta a salutare Zinedine Zidane, tecnico artefice di questa magnifica tripletta (è stato il primo allenatore nella storia a vincere tre Champions di fila). Il coach promosso nel 2016 alla guida della prima squadra, ha preferito dimettersi considerando esaurito il suo ciclo madrileno.

Per sostituire il francese, il presidente del Real Madrid Florentino Perez ha scelto di affidarsi a Julen Lopetegui. L’accordo con l’ex selezionatore della Spagna è stato annunciato prima dell’inizio dei mondiali in Russia e non è stato preso per niente bene dai vertici della federcalcio spagnola che ha silurato il c.t. ancor prima dell’inizio del torneo. L’avventura dell’ex allenatore del Porto alla guida del club più titolato di Spagna non è partita nel migliore dei modi, anche per l’addio di Cristiano Ronaldo, uomo simbolo del Real, ceduto alla Juventus e in questi anni assoluto trascinatore delle merengues.

Per compensare l’addio dell’asso portoghese la dirigenza madridista stranamente non ha comprato nessun altro top player in attacco, preferendo puntare su profili di prospettiva come Vinicius e Mariano Diaz (per il panamense si tratta di un ritorno, essendo stato lanciato proprio dalla cantera del Real). Altri due acquisti importanti sono stati Thibaut Courtois e Alvaro Odriozola.

La stagione si è aperta con la finale di Supercoppa europea contro l'Atlético Madrid. Il derby madrileno, però, è stato vinto dai colchoneros che si sono imposti col risultato di 2-4 dopo i tempi supplementari, impedendo al Real di conquistare il trofeo per la terza volta consecutiva. È andata meglio in campionato dove all’esordio contro il Getafe il Real ha vinto 2-0 coi goal di Carvajal e Bale, ripetendosi anche in trasferta contro il Girona (1-4) e al Bernabeu contro il Leganés (4-1).

I problemi in Liga sono iniziati dopo la prima sosta per le Nazionali a settembre: un pareggio al San Mamés contro l’Athletic Bilbao e la vittoria di misura sull'Espanyol (1-0), hanno fatto da anticamera alla prima sconfitta stagionale avvenuta contro il Siviglia (3-0 per gli andalusi).

Il momento negativo è proseguito con il pareggio nel derby contro l'Atletico (0-0) e con l’inaspettata sconfitta subita per mano dell'Alavés (1-0), la quarta partita di fila in cui la squadra di Lopetegui non è riuscita a segnare neanche un goal. In Champions League, il Real Madrid è stato inserito nel Gruppo G con Roma, CSKA Mosca e Viktoria Plzeň.

L'esordio casalingo contro i giallorossi è stato positivo: i blancos hanno vinto 3-0 grazie alle reti di Isco, Bale e Mariano Diaz, ma nella seconda partita il CSKA a Mosca è arrivata un’incredibile sconfitta con il punteggio di 1-0 per i russi. Il ruolino di marcia di Lopetegui non è affatto soddisfacente e il tecnico rischia già il posto, con l’ombra di Antonio Conte che aleggia minacciosa: il clásico contro il Barcellona, in programma alla decima giornata può diventare già decisivo per le sorti dell’ex c.t. della Spagna.

barcellona-real madrid: tutte le quote scommesse sul clásico le trovi online su Eurobet.it