Quote Tottenham-Liverpool: le migliori scommesse

Scommesse Tottenham-Liverpool scopri le quote di Eurobet

Sabato 11 gennaio alle 18:30 al Tottenham Hotspurs Stadium di Londra il Tottenham di José Mourinho, recentemente subentrato a Mauricio Pochettino, ospiterà la capolista Liverpool. Dopo aver stentato nelle prime 12 giornate, i londinesi hanno recuperato terreno in classifica risalendo fino al sesto posto. Dal canto suo, invece, la squadra di Klopp comanda la classifica del campionato inglese con l’impressionante score di 19 vittorie e 1 pareggio in 20 partite con una gara da recuperare. Consultando le quote Tottenham-Liverpool su Eurobet.it si apprende come per i bookmakers siano favoriti i Reds: il 2 è bancato a 1,70, mentre l'1 è offerto a 4,30 e il pari a 4,20. Secondo i flussi di scommesse Tottenham-Liverpool, esistono buone probabilità che Tottenham-Liverpool sia un match da over 2,5, un'eventualità bancata a 1,55. Buone anche le probabilità che entrambe le squadre trovino la via del goal, come dimostrano le quote Tottenham-Liverpool per il segno goal-goal offerta con una quota inferiore rispetto al no-goal.

Precedenti Tottenham-Liverpool

Le partite tra Tottenham e Liverpool generalmente sono sempre state molto ricche di goal. L’ultimo incontro tra le due squadre risale allo scorso ottobre quando le due squadre si somno affrontate ad Anfield nel girone d’andata di Premier League: al vantaggio siglato nelle prime fasi dell’incontro da Harry Kane hanno risposto i reds con le reti di Henderson e Salah.

Palpitante il pareggio del 4 febbraio 2018 con Il Liverpool che andò due volte in vantaggio con Salah (in mezzo il pari momentaneo di Wanyama), salvo poi farsi recuperare dal un rigore trasformato da Harry Kane che fissò il risultato finale sul 2-2. Nella gara del girone d’andata a imporsi col risultato di 4-1 erano stati gli Spurs con un poker frutto di una doppietta di Kane e delle reti di Alli e Son Heung-Min. Una batosta per la squadra di Klopp, che riuscì a segnare soltanto un goal, sempre con Salah.

Ricca di goal fu la sfida di Premier del 10 febbraio 2015: ad Anfield finì 3-2 con il Tottenham che riuscì a recuperare per due volte lo svantaggio (Kane rispose a Markovic e Dembelé al rigore di Gerrard) ma che fu poi costretto ad arrendersi al goal segnato nei minuti finali del match da Mario Balotelli. Uno dei risultati più roboanti ottenuti dal Liverpool contro il Tottenham, peraltro in trasferta, è quello del 15 dicembre 2013: a White Hart Lane finì 0-5 per i reds che all’epoca potevano contare ancora sui goal del pistolero Luis Suarez. In quell’occasione l’uruguagio mise a segno una doppietta, mentre le altre marcature furono opera di Henderson, Sterling e Flanagan.

Tottenham

Fondato nel 1882 da un gruppo di studenti di grammatica della All Hallows Church nel quartiere omonimo di Londra, il Tottenham Hotspur Football Club rappresenta il nord della Capitale inglese. Il suo primo trofeo è stato una coppa nazionale vinta nel 1902, un momento storico in cui ancora non era affiliato alla Football League. Tale successo è stato replicato in totale 8 volte nella storia ultracentenaria di questa società. Il Tottenham detiene anche 2 campionati inglesi, 7 Charity Shield, 2 Coppe Uefa e una Coppa delle Coppe. Acerrimo rivale dell’Arsenal, ha giocato la maggior parte delle sue partite nello stadio denominato White Hart Lane.

La passata stagione è stata molto importante per il club londinese che è arrivato in finale di Champions League, piegandosi soltanto di fronte ad un inarrestabile Liverpool. Il raggiungimento della finale, tuttavia, non è stato l’unico evento importante per il Tottenham: da qualche mese, infatti, gli Spurs giocano finalmente nel loro nuovo e ultramoderno stadio il 'Tottenham Hotsupur Stadium', un vero e proprio fiore all’occhiello per i Lilywithes e per l’intero movimento calcistico britannico.

Al contrario della scorsa estate in cui per rientrare dai costi dello stadio il Tottenham non fece alcun movimento in entrata e in uscita, durante la sessione di calciomercato estivo sono arrivati il centrocampista del Lione Tanguy Ndombele, il promettente esterno del Fulham Ryan Sessegnon e il terzino destro Jack Clarke dal Leeds. In più è stato tesserato in prestito dal Betis Siviglia il talentuoso regista argentino Giovanni Lo Celso. Sul fronte delle cessioni, le partenze più importanti hanno riguardato l'esterno difensivo Kieran Trippier, venduto all'Atletico Madrid, Vincent Janssen, ceduto al Monterrey e Georges-Kevin Nkodou, finito al Besiktas. La stagione è iniziata agli ordini del manager argentino Mauricio Pochettino, al timone degli Spurs dall'estate 2014. Dopo la grande cavalcata dello scorso anno che portato il Tottenham a raggiungere la finale di Champions League, le aspettative sul club londinese erano molto alte, tuttavia, trascorse le prime giornate di campionato si è iniziato ad avere il sentore che la stagione non fosse delle migliori. Molto attardato dal gruppo di testa dopo 12 giornate in cui aveva collezionato appena 3 vittorie, 5 pareggi e 4 sconfitte, il Tottenham ha optato a malincuore per la separazione da 'Poch', il tecnico che ha contribuito in maniera decisiva alla crescita del club e alla valorizzazione di tanti talenti da Harry Kane, a Dele Alli, passando per Heung-Min-Son e Christian Eriksen. La dirigenza degli Spurs per rimpiazzare l'argentino di origini italiane non ha puntato su un traghettatore ma si è affidata ad uno specialista, anzi, a uno Special One come José Mourinho. E poco importa se il portoghese, ex Chelsea, aveva detto che non avrebbe mai allenato un'altra squadra di Londra: la voglia di ricominciare del santone lusitano, dopo la fine del rapporto con il Manchester United era troppa per resistere. Con Mou alla guida le cose sono migliorate e in 8 giornate ha ottenuto 5 vittorie, 1 pari e 3 sconfitte, riportandosi nei pressi di un piazzamento UEFA.

Liverpool

Il Liverpool Football Club è una società calcistica inglese con sede nell'omonima città che milita in Premier League, la massima divisione del campionato britannico della quale è stata uno dei fondatori, ed è affiliato alla Football Association.

Fondato nel 1892, aderì un anno dopo alla Football League e dalla sua fondazione disputa le partite interne nello stadio di Anfield. Negli anni '70 e '80 del XX secolo si è affermata come una delle squadre egemoni del calcio europeo, sotto la guida di grandi allenatori come Bill Shankly e Bob Paisley. Conosciuti come i Reds, i giocatori del Liverpool indossano un completo totalmente rosso dal 1964, dopo aver utilizzato maglia rossa e calzoncini bianchi. Il club milita nella massima serie inglese dal 1962.

Con 63 trofei ufficiali è la seconda squadra più titolata d'Inghilterra, alle spalle del Manchester United, e uno dei club più titolati del mondo. A livello nazionale il club si è aggiudicato 18 campionati, 7 Coppe d'Inghilterra, 8 Coppe di Lega (record), 15 (di cui 5 condivise) Supercoppe d'Inghilterra e 1 Supercoppa di lega inglese (trofeo disputato nella stagione 1985-86, prima annata dell'esclusione dei club inglesi dalle coppe europee post-Heysel, dalle squadre inglesi qualificatesi per le competizioni UEFA di quella stagione). A livello internazionale ha vinto 6 Coppe dei Campioni/Champions League, 3 Coppe UEFA, 4 Supercoppe europee (tutti e tre record inglesi), 1 Coppa del mondo per club FIFA, trofei grazie ai quali risulta il primo club inglese per titoli internazionali vinti, davanti al Manchester United.

Dall'ottobre del 2015 il manager del Liverpool è il tedesco Jürgen Klopp, subentrato all'esonerato Brendan Rodgers. Da quando l'ex allenatore del Mainz e del Borussia Dortmund è approdato nel Merseyside i risultati dei Reds sono andati via via migliorando: conclusa all'ottavo posto la stagione da subentrato, nei due campionati successivi Klopp si è classificato al quarto posto conquistando l'accesso alla Champions League. Alla seconda campagna europea condotta da Klopp, il Liverpool - trascinato dal trio composto da Salah, Firmino e Mané è arrivato fino in finale di Champions League contro il Real Madrid ma si è dovuto arrendere agli spagnoli. Nella stagione 2018-2019 la crescita è proseguita ulteriormente: in Premier League il Liverpool è stato protagonista di un esaltante testa a testa con il Manchester City vinto dalla squadra di Guardiola per un solo punto di differenza, in compenso Klopp e i suoi si sono rifatti in grande stile sollevando la Champions League per la sesta volta nella storia del club dopo aver battuto in finale i connazionali del Tottenham.

Macchina da goal implacabile, capace di ribaltamenti di fronte improvvisi e giocate spettacolari, il Liverpool di Jürgen Klopp è una delle espressioni migliori del calcio moderno, una vera gioia da guardare per ogni amante del pallone. Nella stagione in corso, oltre ad aver vinto la Supercoppa europea e il Mondiale per Club, il Liverpool ha già staccato il pass qualificazione per gli ottavi di finale di Champions League. E che dire del campionato dove i Reds sono al primo posto in solitaria senza mai essere stati sconfitti, con ben 13 punti di vantaggio sulla seconda in classifica e addirittura una partita da recuperare. Con numeri del genere un’altra stagione trionfale sembra alle porte.