Scommesse Giro delle Fiandre: le migliori quote

Il Giro delle Fiandre (il cui nome originale in lingua olandese è "Ronde van Vlaanderen") è una corsa in linea maschile di ciclismo su strada da cui trae origine il fenomeno delle scommesse Giro delle Fiandre. Il Giro delle Fiandre non è una corsa qualunque ma è una delle cinque cosiddette "classiche monumento" (ossia le classiche di maggior prestigio, che includono anche la Milano-Sanremo, la Parigi-Roubaix, la Liegi-Bastogne-Liegi e il Giro di Lombardia) che si svolge annualmente nelle Fiandre, una delle tre regioni che compongono il Belgio.

Il Giro delle Fiandre viene solitamente disputato la prima domenica di aprile, una settimana prima della Parigi-Roubaix, ed è in ordine di calendario la prima delle grandi classiche della "campagna del Nord", cioè il gruppo di corse che si corrono in primavera tra Francia, Belgio e Paesi Bassi. Dal 1989 è stato inserito nel calendario della Coppa del mondo e dal 2005 in quello dell'UCI ProTour; dal 2010 fa parte del Calendario mondiale UCI, oggi World Tour.

Quote Giro delle Fiandre: il percorso e i ‘muri’

A caratterizzare in maggior misura Il Giro delle Fiandre sono i cosìddetti "muri", tratti di salita brevi ma molto ripidi, spesso rivestiti in pavé. Le brevi e ripide colline delle Ardenne fiamminghe sono una caratteristica distintiva del Giro delle Fiandre, luoghi in cui gli spettatori si riuniscono in grandi masse per assistere alla gara. Nelle ultime edizioni i muri inclusi nel percorso sono cresciuti da 17 a 19. Ogni salita ha le sue caratteristiche e se si vuole scommettere, oltre a consultare le quote Giro delle Fiandre, è bene conoscere com’è strutturato il percorso.  Ad esempio, il Kwaremont è lungo ben 2,2 km, ma è relativamente poco ripido. Il Paterberg invece è breve ma la pendenza è brutalmente ripida, al 20%.

Il Koppenberg è il muro più ripido della corsa, con pendenza al 22%, con una strada molto stretta e un pavé molto irregolare. Altre salite famose includono l'Eikenberg, Molenberg e il Taaienberg. Negli ultimi anni il percorso del Giro delle Fiandre si svolge sulla distanza di 250–260 km e attraversa, anche più di una volta nel corso della stessa gara, circa 15-18 muri. Il muro considerato più difficile e allo stesso tempo più celebre è il Muro di Grammont, o "Muur van Geraardsbergen" in fiammingo. Presente nel percorso dal 1969 al 2011, esso costituiva in genere la penultima difficoltà della corsa, posta a circa 15 km dall'arrivo, e molto spesso è risultato essere uno dei punti decisivi per le sorti della gara.

Lo spostamento del traguardo, deciso a partire dall'edizione 2012, da Meerbeke, ove si arrivava dal 1973, a Oudenaarde ha comportato però l'esclusione del Muro di Grammont dal Giro delle Fiandre. Nell'edizione del 2017 il Muur-Kapelmuur (nome uffiiciale del Muro di Grammont) è stato reintrodotto nel percorso di gara. Altri celebri muri, tutti per intero o almeno in parte pavimentati in pavé, sono il Vecchio Kwaremont, o "Oude Kwaremont", il Bosberg, inserito per la prima volta nel 1975 e fino al 2011 ultima asperità della gara, il Koppenberg, il Molenberg e il Paterberg, dal 2012 ultimo muro prima del traguardo dopo l'esclusione del Bosberg. 

Scommesse Giro delle Fiandre: la storia della corsa

L'idea del Giro delle Fiandre venne al giornalista fiammingo Karel Van Wynendaele, fondatore del giornale Sportwereld. Esiste un'ampia letteratura riguardo il legame esistente tra il ciclismo nelle Fiandre e il nazionalismo fiammingo. Il proposito iniziale di Van Wijnendaele era, come detto inizialmente, quello di creare una corsa interamente su suolo fiammingo, attraversando quante più città possibile, perché "tutte le città fiamminghe dovevano contribuire alla liberazione del popolo fiammingo".

La corsa fu organizzata per la prima volta nella storia il 25 maggio 1913. La prima edizione prevedeva un percorso della lunghezza di 330 chilometri che si snodava attraverso tutte le più caratteristiche località del Belgio, come Gand e Bruges, località situate nel cuore delle Fiandre. Al primo Giro delle Fiandre parteciparono 37 corridori. La competizione fu interrotta dopo appena due edizioni a causa dello scoppio della Prima guerra mondiale, e riprese soltanto nel 1919. Il Giro delle Fiandre è l'unica classica ciclistica che si svolse sul territorio occupato dalla Germania durante la Seconda guerra mondiale e ciò avvenne in pieno accordo con il comando tedesco. I tedeschi non solo permisero che continuasse ma si dimostrarono persino estimatori della corsa, tanto che contribuirono persino alla sorveglianza durante le varie tappe. Ciò portò ad accuse di collaborazionismo in un'epoca in cui molti nazionalisti fiamminghi avevano forti legami con la Germania nazista.

Dopo la guerra, i quotidiani De Standaard e Het Algemeen Nieuws-Sportwereld furono sequestrati dallo stato e diversi giornalisti, in gran parte giornalisti non sportivi, furono condannati per collaborazione. A Van Wijnendaele fu proibito di lavorare come giornalista per tutta la vita - un divieto revocato quando presentò una lettera di sostegno nei confronti del generale Montgomery, confermando che aveva nascosto i piloti britannici abbattuti durante la guerra e li aveva protetti a casa sua. Un quotidiano fiammingo rivale, Het Volk, una pubblicazione di sinistra, voleva iniziare un nuovo evento ciclistico nelle Fiandre che facesse da gara rivale a quella al Giro delle Fiandre, considerato vicino ai nazisti, nacque così l'Omloop van Vlaanderen nel 1945. Gli organizzatori della del Giro delle Fiandre, tuttavia, protestarono poiché il nome era ritenuto troppo simile al loro (in olandese, infatti, la differenza tra Ronde e Omloop è molto sottile).

Per questo motivo la federazione ciclistica belga chiese a Het Volk di cambiare il nome del proprio evento, in seguito rinominato "Omloop Het Volk", che oggi costituisce la gara di apertura della stagione ciclistica belga. I plurivincitori della corsa sono i belgi Achiel Buysse, Eric Leman, Johan Museeuw e Tom Boonen, in compagnia dell’italiano Fiorenzo Magni e dello svizzero Fabian Cancellara con tre vittorie ciascuno. Di particolare valore il primato di Fiorenzo Magni che ad oggi è il solo ciclista ad aver vinto tre edizioni consecutive, dal 1949 al 1951, tripletta che gli valse il soprannome di "Leone delle Fiandre". Trattandosi di uno degli eventi ciclistici più celebri in assoluto, Il Giro delle Fiandre non poteva mancare nel palinsesto di Eurobet.it, dov’è possibile sfruttare le quote Giro delle Fiandre per effettuare le effettuare scommesse.